mercoledì 25 novembre 2015

GREEN CURRY DI VERDURE IN OMAGGIO A …HUM



Probabilmente uno dei miei comfort food preferiti, il curry di verdure, può diventare un piatto "anti-spreco" visto che ci permette di smaltire i resti delle verdure (comprese alcune parti meno nobili) che stazionano in frigorifero da qualche giorno. 

Le varianti sono molteplici e tutte buonissime. In questo blog ne trovate già due: una versione solo zucca QUI e una di pesce QUI

Questa versione invece vuole essere un omaggio al mio ristorante vegetariano preferito all'estero: parliamo di …hum Café & Restaurant a Ho Chi Min City. 

Di tutti i posti che ho avuto la fortuna di visitare in Asia, Ho Chi Min City mi è rimasta abbastanza nel cuore e spero, prima o poi, di tornare e visitare anche altri luoghi in Vietnam.

La cucina vietnamita poi è fantastica: colorata, ricca di sapori e piena di preparazioni adatte a chi ha scelto una dieta vegan o  vegetariana (oltre ad ottimi piatti di pesce). Di tutti i ristoranti provati …hum è  stata un'esperienza incredibile. Il loro green curry era favoloso, così come tutti gli altri piatti che ho assaggiato.  

Mi trovavo da sola quella sera, pioveva, ho guardato la cartina e il locale non sembrava poi così distante quindi mi sono avventurata a piedi tra i vicoli della città, munita di ombrello gentilmente offerto dall'hotel. Dopo circa una ventina di minuti eccolo davanti a me e devo dire che ne è valsa davvero la pena.

Questo green curry è nato dal desiderio di ritrovare un po' di quei profumi e sapori.  

GREEN CURRY DI VERDURE
dose per due persone affamate

In dispensa:

per il curry paste
1 cucchiaino di coriandolo in polvere
1/2 cucchiaino di cumino in polvere
1/2 cucchiaino di pepe nero in polvere
1 peperoncino piccolo secco
1 cucchiaino di lemon grass in polvere (o fresco)
1/2 porro piccolo (solo la parte bianca)
1 spicchio d'aglio
1 cm di zenzero fresco
scorza grattugiata di limone
succo di mezzo limone
Un mazzetto di coriandolo fresco (o prezzemolo)

per il curry
2 cucchiai di curry paste
1 lattina da 400 ml di latte di cocco
mezzo broccolo
mezzo cavolfiore 
2 patate dolci piccole
un mazzetto di spinaci
50 g. di piselli congelati
olio evo
sale 

per accompagnare
80 g. di riso basmati 


Ai fornelli:

Prima di tutto preparate il curry paste tritando lo zenzero, lo spicchio d'aglio, il porro e il coriandolo. Unite la scorza del limone grattugiata ed il succo.
In un mortaio raggruppate tutte le spezie (coriandolo, cumino, pepe nero, peperoncino), aggiungete il trito appena preparato ed iniziate a pestare con il pestello in modo da creare  una sorta di pasta.

Dopo aver lavato le verdure con cura, tagliate le patate dolci a cubetti, riducete in cimette il broccolo e il cavolfiore e mettete da parte assieme agli spinaci e ai piselli. 

In un wok capiente versate un paio di cucchiaiate di olio evo, quando l'olio sarà caldo aggiungete il curry paste e lasciate soffriggere per alcuni minuti.
Aggiungete tutte le verdure e lasciatele insaporire per qualche minuto. Versate il latte di cocco, salate e lasciate sobbollire a fuoco medio/basso con coperchio fino a quando le verdure saranno tenere. Regolate di sale e pepe.

Un piccolo "trucco" per dare un color verde chiaro alla preparazione: tenete da parte alcuni spinaci freschi e metteteli nell'estrattore, aggiungete un goccio d'acqua e versate sia gli scarti degli spinaci che il succo color verde brillante al vostro curry durante la cottura. 

Nel frattempo cuocete il riso basmati in abbondante acqua salata (o seguite le istruzioni indicate sulla confezione).

Servite in una ciotola oppure su un piatto di portata con il riso basmati a fianco, in accompagnamento.





Note e suggerimenti:
  • La mia versione del green curry è un po' alternativa poiché mancano del tutto i peperoncini verdi (green chilies) ma non amando i curry troppo piccanti ho preferito utilizzare solo un piccolo peperoncino rosso essiccato.
  • Le quantità di verdure sono indicative, potete aumentarle o diminuirle oppure sostituirle con verdure diverse a piacimento. 
  • Il curry solitamente è lasciato piuttosto "brodoso" e servito in ciotole. 
  • Per scelta non acquisto mai verdura surgelata, i piselli in questa ricetta sono stati acquistati in primavera, sgranati e successivamente congelati.








Qualche ricordo di …hum 









…hum Café & Restaurant
http://www.hum-vegetarian.vn/default.aspx

32 Vo Van Tan, W.6, D.3, HCMc
T. (+84-8) 3930 3819
contact-d3@hum-vegetarian.vn
facebook.com/hum.vietnam
Opening hours: 10:00h - 22:00h


…e di Ho Chi Min City




















                                                                        F.









mercoledì 18 novembre 2015

CAKE AL CIOCCOLATO E APPLE BUTTER




Ci eravamo lasciati con la ricetta dell'apple butter.
Dopo un fine settimana di doveroso silenzio, ripartiamo proprio da lì.
In questo post vi racconto che fine ha fatto uno dei vasetti prodotti la settimana scorsa.
Questo cake al cioccolato e apple butter è perfetto, ha una consistenza morbida e leggermente umida nonostante non contenga né olio né burro.
Sicuramente da riprovare, magari in una versione vegan.
  
CAKE AL CIOCCOLATO E APPLE BUTTER
per uno stampo da plumcake 25 x 10 
In dispensa:
250 g. di apple butter
60 g. di zucchero di canna
1 uovo
100 g. di farina semintegrale
25 g. di cacao in polvere
60 g. di cioccolato fondente 70%
9 g. di agente lievitante cremor tartaro 
2 g. di bicarbonato
1 pizzico di sale
Ai fornelli:
Prima di tutto tritate il cioccolato fondente e mettetelo da parte.
Mescolate assieme l'apple butter, lo zucchero e l'uovo con una frusta.
In un'altra ciotola raggruppate tutti gli ingredienti secchi: la farina, il cacao, la polvere lievitante, il bicarbonato ed il sale.
Versate gli ingredienti "liquidi" nella ciotola degli ingredienti secchi e mescolate, per finire aggiungete il cioccolato fondente tritato.
Rivestite lo stampo da plumcake con carta da forno bagnata e strizzata e versate il composto, livellandolo con la spatola.
Cuocete a 180°C per circa 30 minuti, o fino a quando lo stuzzicadenti non risulterà abbastanza asciutto.
Note e suggerimenti: 
  • Lo stesso impasto può essere utilizzato anche per la preparazione di muffin, avendo l'accortezza di ridurre i tempi di cottura.
  • Non stracuocetelo.   
  • Il cake rimane morbido per alcuni giorni, semplicemente coperto da carta stagnola.








                                                                                              F.

lunedì 9 novembre 2015

APPLE BUTTER O "BURRO" DI MELE



Ecco una di quelle preparazioni tipicamente americane che adoro. 

L'apple butter altro non è che una salsa di mele molto concentrata, ottenuta cuocendo a lungo e lentamente le mele con acqua, aromi e un po' di zucchero. 

Buonissima, naturalmente dolce, adatta praticamente a tutti e piuttosto versatile in cucina. Il gusto può cambiare leggermente in base al mix di mele utilizzato o agli ingredienti aggiunti per aromatizzarlo.

Un difetto? probabilmente il tempo necessario per prepararlo, quindi quando deciderete che è giunto il momento prendetevi una di quelle domeniche pomeriggio un po' uggiose e fatene tanto! Diventerà un pensiero goloso da regalare a Natale! 


APPLE BUTTER 

In dispensa:
1,5 kg di mele miste 
250 ml di acqua
65 g. di zucchero di canna integrale (Panela)
mezza stecca di vaniglia

Ai fornelli:
Lavate accuratamente le mele e sfregatele con la spazzola in cocco per verdure. Tagliatele a spicchi e versatele in un tegame ampio, aggiungete l'acqua e portate a bollore a fuoco medio. 

Nel frattempo sterilizzate i vasi ed i coperchi all'interno di una capiente pentola colma d'acqua. I vasi dovranno essere completamente ricoperti d'acqua e bollire almeno 20 minuti.

Rimuovete i vasi ed i coperchi dall'acqua ed appoggiateli a testa in giù su un canovaccio pulito.

Quando le mele inizieranno a disfarsi (dopo circa 45 minuti) frullate le mele con un frullino ad immersione fino a quando otterrete una crema omogenea. 

A questo punto avrete ottenuto l'apple sauce, una buonissima crema/composta di mele. Se desiderate potete terminare qui la preparazione aggiungendo lo zucchero ed altri ingredienti a piacere (succo di limone, spezie, ecc.) cuocendo ancora per pochi minuti e invasando l'apple sauce. In alternativa potrete continuare come segue.

Aggiungete la stecca di vaniglia aperta in due e lasciate sobbollire lentamente per almeno 4-5 ore, mescolando ogni 15-20 minuti per evitare che il composto si attacchi al fondo della pentola.

Ricordatevi di aggiungere lo zucchero circa 1 ora prima di spegnere il fuoco. 

Quando avrete ottenuto la giusta consistenza versate l'apple butter nei vasi sterilizzati, chiudete con il coperchio, capovolgeteli all'interno di un canovaccio pulito e ricopriteli con un panno per mantenerli al caldo fino a quando si saranno raffreddati.

Potete utilizzare l'apple butter spalmandolo sul pane, sulle gallette oppure aspettare la prossima ricetta :)

Qui sotto un riepilogo fotografico dei vari passaggi:


Note e suggerimenti:

  • Potete aggiungere altri ingredienti a piacere per aromatizzare l'apple butter (es: succo e scorza di limone, cannella o altre spezie a piacere). Potete anche prepararlo al naturale.
  • Da 1,5 kg di mele otterrete circa 2 vasi da circa 300 g. di apple butter.
  • Dal punto di vista del gusto lo zucchero potrebbe essere omesso, io l'ho aggiunto esclusivamente come conservante. 
  • Se preferite evitare il sotto vuoto, potete conservare l'apple butter in frigorifero per alcuni giorni.









                                                                                             F.